Gli Stati Uniti ordinano la spedizione di vaccini Covid-19 specifici per Omicron per Big Fall Push

Il governo federale degli Stati Uniti ha raggiunto un accordo per pagare la società farmaceutica Pfizer e il suo partner con sede in Germania BioNTech un t0tal di billion 3,2 miliardi per 105 milioni di dosi di vaccino covid-19, secondo le dichiarazioni delle società. Le dosi fanno parte di una campagna autunnale per vaccinare più persone negli Stati Uniti, una nazione con il più basso tasso di vaccinazione covid-19 tra tutti i paesi ricchi.

Il grande ordine con Pfizer include vaccini che sono stati progettati per indirizzare specificamente la variante omicron della malattia, ma la spedizione di quelli dipenderà dall’approvazione della FDA, che è attualmente in sospeso.

” Man mano che il virus si evolve, questo nuovo accordo contribuirà a garantire che le persone in tutto il paese abbiano accesso a vaccini che potrebbero fornire protezione contro le varianti attuali e future”, ha detto Albert Bourla, presidente e CEO di Pfizer, in una dichiarazione pubblicata online.

La consegna dei 105 milioni di dosi dovrebbe iniziare già a “fine estate”, secondo Pfizer, con una spinta per nuove vaccinazioni che si verificano nei mesi successivi. La preoccupazione, ovviamente, è che covid-19 vedrà probabilmente una nuova rinascita da numeri già alti mentre il tempo si raffredda e più persone si dirigono al chiuso.

Gli Stati Uniti hanno riportato 196.230 nuovi casi di malattia mercoledì e 693 decessi, secondo il New York Times, numeri che sarebbero stati considerati anormalmente alti in qualsiasi altro punto negli ultimi due anni. Ma la pandemia è più o meno solo rumore di fondo per la maggior parte degli americani che sembrano essere andati avanti con le loro vite. Gli Stati Uniti hanno riportato oltre 1,01 milioni di morti da covid-19 dall’inizio della pandemia, con oltre 87,4 milioni di casi.

E anche se alcuni americani sono ancora molto preoccupati per il potenziale di trattare con “long covid”, l’amministrazione Biden non ha mostrato alcun appetito per continuare a combattere la pandemia in alcun modo pubblico—almeno in qualsiasi modo che sia più entusiasta dell’acquisto di vaccini. Per fortuna, vaccinarsi sembra ridurre il rischio di ottenere covid lungo a metà, secondo un recente studio fuori dal Regno Unito.

Solo il 67,3% degli americani è completamente vaccinato contro il covid-19, proprio dietro lo Sri Lanka (67,8%), il Mozambico (68,1%), l’Iran (68,8%), secondo gli ultimi dati della Johns Hopkins University.

“Questo accordo fornirà dosi aggiuntive per i residenti negli Stati Uniti e aiuterà a far fronte alla prossima ondata di COVID-19. In attesa dell’autorizzazione normativa, includerà anche un vaccino adattato a Omicron, che riteniamo importante per affrontare la variante Omicron in rapida diffusione”, ha detto Sean Marett, Chief Business e Chief Commercial Officer di BioNTech in un comunicato stampa.

“Apprezziamo la continua collaborazione del governo degli Stati Uniti nel nostro obiettivo condiviso di aiutare a porre fine a questa pandemia”, ha continuato Marett.

Come nota Bloomberg News, le azioni Pfizer sono aumentate dello 0.6% dopo la chiusura del mercato di mercoledì.

Write a comment